.
Annunci online

  esprimersi [ la libertà di esprimersi con entusiasmo ]
 
 
         
 


Ultime cose
Il mio profilo


-> I° RICETTARIO ESPRIMERSI
-> II° RICETTARIO ESPRIMERSI
-> III° RICETTARIO ESPRIMERSI
-> Omnidreams.net, i viaggi migliori ai prezzi più bassi
-> Trova casa Roma - Ostia
-> Vocabolario italiano
-> Sinonimi e Contrari
-> Wikipedia - L'enciclopedia libera!
-> Disinformazione - Oltre la verità ufficiale
-> L'informazione che non ci danno
-> Sbizzarrirsi con i Font
-> Cartoni animati anni '70 '80

cerca
letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 


18 aprile 2005

L' antichef - Letizia Nucciotti

Non riporterò alcun mio personale commento sul libro che vi consiglio oggi perchè le parole che scrive la stessa autrice non potrebbero meglio descriverne la bellezza!! Prezzo € 18,00

“Ballo in cucina...
perché è assai più che una stanza e starci dentro ha un significato molto più ampio che racimolare e assemblare ingredienti, sfangare l'impegno quotidiano del pranzo e della cena. La cucina è storia, è memoria, e comunicazione, rispetto di se stessi, mezzo per dimostrare presenza e affetto. È cultura ed economia, gioco individuale o di gruppo, manipolazione, alchimia e fantasia: è musica e danza!
Come in un ballo scegli un tema, quello adatto al tuo stile, veloce o lento, ritmato o suadente, senza farti prendere dalla concitazione per non dimenticare i movimenti principali, quelli che conservano l'armonia dell'insieme e che garantiscono un buon risultato, per il resto inventi tu secondo il tuo piacere, la tua creatività, il momento e l'atmosfera. La musica te la fai da solo, coperchi e pentole, piatti, bicchieri e mestoli sono alla portata di ogni percussionista, sono la prima scoperta musicale anche per un bambino... e sono lì, 'strumenti' di ogni cuoco. La coreografia è varia e adattabile a ogni preparazione: l'ancheggiare ritmico e veloce di quando prepari un battuto con la mezza luna, il movimento ondeggiante e morbido di quando mescoli la besciamella o la crema, lo scatto atletico di quando spiani la pasta delle tagliatelle, dei pici o della pizza, le mezze piroette per passare dal tavolo ai fornelli, dall'acquaio al frigo...
Guardando con un occhio un poco diverso anche l'impegno quotidiano dell'organizzazione del pasto assume un aspetto nuovo, più leggero e piacevole. Basta scaricarlo dal senso di obbligo, dall'idea di complessità, di poca fiducia nelle proprie capacità. La riscoperta di cio che è essenziale puo rappresentare una vera conquista, non solo in tema di alimentazione. Esiste una cucina possibile e non è quella dei grandi cuochi che fanno il loro mestiere lontano dai nostri piccoli fornelli, eccedendo spesso in stile e prosopopea, non è quella delle prelibatezze introvabili, delle ricette lunghe un chilometro per realizzare le quali manca nella nostra dispensa sempre qualcosa di essenziale, o ti costringono a lavorare mezza giornata impiastricciando tutto. La cucina possibile è quella che conserva dignità anche quando assemblando piccole rimanenze riesci in mezz'ora a mettere te e la tua famiglia davanti a qualcosa di preparato al momento, rivendicando il dovere e il piacere di volersi bene, di apparecchiare e di sedersi insieme almeno una volta al giorno.
La mia esperienza di vita mi ha fatto imparare le piccole strategie di questa grande arte senza rendermene conto, senza una scuola, ma con una applicazione quotidiana che ha dato a gesti e procedimenti la scioltezza e la naturalezza che si ha nel lavarsi, pettinarsi, guidare, telefonare...
Scrivere e descrivere di queste cose mi ha dato l'occasione di rivederle e apprezzarle come fossero nuove, scoprendo nel raccontarle quanto poi non fossero scontate. Anzi ho capito che tante di queste minuscole ricchezze, nella fretta sconcertante che segna la vita di oggi, si stanno perdendo insieme al senso delle priorità, dei valori, della memoria. Un patrimonio di monetine apparentemente fuori corso ma che come tutte le rarità cominciano ad assumere il valore da collezionista.
Questa consapevolezza mi è maturata man mano mentre mettevo insieme queste mie ricette, descritte con tutta la semplicità di un manuale per neofiti dei fornelli senza illustrazioni da settimanale di cucina, troppo patinate, fatte più per gli occhi che per il palato. Volevo stamparle, fotocopiarle e raccoglierle artigianalmente per regalarle agli amici che spesso me lo chiedono dopo aver mangiato da me. In particolare è stata la nostra amica Brighitte che ha insistito convincendomi a provare a scrivere qualche pagina. La cosa mi ha preso la mano insieme alla voglia di raccontare ciò che io vedo dietro a molte di queste ricette, oltre l'elenco degli ingredienti, nella nobiltà di prodotti che sembrano banali, nel loro valore storico, assai più ampio e importante dei piccoli aneddoti personali a cui spesso li ho collegati. Ne è risultato una specie di diario che segue il filo delle emozioni e degli affetti, sbriciolato qua e là tra elenchi di paste, di risi, di zuppe e polente, di agli, cipolle e pomodori.”
Tanti particolari ho provato a descrivere, mille ancora ne avrei voluti raccontare, perché sono la memoria di una infanzia felice, la mia, ma anche perché tracciano i contorni di un mondo che non c'è più, per tutti. Ma qualcosa resta, attraversa e vince il tempo. È la capacità di investire sulle piccole cose essenziali, è la volontà di curare gli affetti e mostrarli senza sciocchi pudori, con una parola, un fiore o magari... un bel piatto di pastasciutta.”  Letizia Nucciotti




permalink | inviato da il 18/4/2005 alle 11:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia     marzo        maggio

 
 
 
 
 
 
Il SOLE
per illuminare
 tutti i giorni
della nostra vita!
Il ROSSO
perchè la passione
del nostro entusiasmo
possa scaldare 
anche il cuore  
di chi ci vive
accanto!

 
  
  
 KimèIl mio tesoro a 4 zampe...
   
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 




Kimè pompiere!! E' una tradizione di famiglia...


Il mare ci ispira...è una questione di sensibilità familiare...


 
 
 
 
 
 
 
 

...e...finalmente il tanto meritato riposo...